Come creare dei dischetti levatrucco fatti in casa

Dischetti in cotone e salviette detergenti dovranno far posto a questi dischetti riutilizzabili tutti fatti a mano.

Il tema della settimana sulla mia pagina Facebook era “riutilizzabile”. Così mi sono messa alla ricerca di tutto ciò che in casa potesse essere riciclato e usato più volte.

Tra le varie idee per risparmiare qualche soldo e salvaguardare il nostro Pianeta dall’inquinamento (nel proprio piccolo ognuno di noi può fare qualcosa!) ho trovato i dischetti levatrucco.

Se ci pensi bene, quanti dischetti in cotone utilizzi ogni giorno per eliminare il make-up? Almeno due, se non di più. Tra salviette e dischetti struccanti il cestino del bagno si riempiva in fretta, troppo in fretta. Era ora di porre rimedio e fine allo spreco!

In merceria

Schermata 2018-03-21 alle 13.32.16

Mi occorreva del tessuto per le tende. Così in merceria ne ho approfittato per cercare anche quello per i dischetti de-makeup. Faceva al caso mio del soffice pile. L’ho accarezzato più volte per testarne la morbidezza e, una volta approvato, l’ho portato in cassa.

Ho poi acquistato dei ritagli di stoffa da utilizzare, come dopo vedrai, su un lato del dischetto.  

Prima di passarlo sulla pelle ovviamente l’ho lavato in lavatrice in modalità “a mano/delicati”  per paura che si infeltrisse.

E adesso andiamo a vedere come ho realizzato i dischetti.  

I dischetti 

Schermata 2018-03-21 alle 13.32.41

Materiale occorrente

  • stoffa soffice (pile, flanella, bambù)
  • ritagli di stoffa
  • ago
  • filo
  • forbici
  • bicchiere
  • penna
  1. la forma dei dischetti l’ho ricavata da un bicchiere. L’ho poggiato sulle due stoffe e ne ho delineato il contorno con la penna
  2. con la forbicina ho poi tagliato la sagoma
  3. munita di ago, filo e pazienza ho cucito insieme il pile e il ritaglio di stoffa
  4. ecco il dischetto pronto all’uso!

Come ti trovi?

Schermata 2018-03-21 alle 13.32.30

Il solo fatto di averli creati con le mie mani mi riempie di soddisfazione, e poi, per di più, sono veramente pratici. Soffici e delicati sulla pelle, con un po’ di crema detergente, rimuovono il trucco con pochi gesti. Per pulirli mi basta lavarli con un del sapone – o meglio ancora shampoo – e lasciarli asciugare sul termosifone.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

A Place For My Head©

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.⚡

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: