Story Stones

Ho scoperto questo gioco per caso, saltando da una bacheca all’altra e mi è piaciuto subito.

Il semplice fatto di trascorrere qualche ora al lago per raccogliere le pietre rendeva il tutto ancora più divertente. Si è trattato infatti di una gita “mirata” alla ricerca delle pietre dalle forme ideali da disegnare. La raccolta ha ovviamente coinvolto i bambini che muniti di secchiello si sono cimentati nella ricerca.

Dopo qualche lancio nell’acqua e parecchie pietre scartate, siamo riusciti a racimolarne una quantità sufficiente per la riuscita del gioco.

storystones

Materiale occorrente 

  • sassi, almeno una dozzina, meglio se piatti
  • pennarello “sharpie” o simile
  • colori a tempera o acrilici per chi desidera cimentarsi nel disegno
  • un sacchetto

Non ho seguito un particolare filo conduttore, come una fiaba, ad esempio, per i disegni sulle pietre. Toccherà alla fantasia dei bambini inventare una storia man mano che dal sacchetto le estrarranno. Seguendo questo link troverete altre idee su come giocare con le pietre.

Per motivi di tempo e praticità mi sono ispirata allo stile di questa blogger.

Buon divertimento!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli - E - BOOK

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Vivo di alzate d'ingegno / e sorrisi di donna.

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: