Il grillo e la formica

La versione che conoscevo era decisamente più breve e semplice:

C’era un grillo in un campo di lino

la formichina gli chiese un filino.

Disse il grillo “che cosa ne vuoi fare?”

“Calze e camice, mi voglio maritare!”

Disse il grillo, “lo sposo sono io”

La formichina “sono contenta anch’io”.

Ma alle 7 di là del mare

si sentì dire che il grillo stava male.

Ma alle 8 di là del porto

si sentì dire che il grillo era morto.

La formichina dal gran dolore

con la zampina si trafisse il cor.

Altre versioni

Storia del grillo e della formica (WikiSource)

La formicuzza e il grillo (Filastrocche.it)

C’era un grillo (Filastrocche.it)

L’origine della filastrocca

La filastrocca narrativa, come Il grillo e la formica, si inserisce in quello sconfinato repertorio che è il canto popolare italiano. In questa versione allegra e a tempo di twist, il testo, apparentemente drammatico, conferisce al brano uno spiccato tono ironico. (tratto dal sito MUSICANDO Una polifonia scolastica)

Infine l’Associazione Musiche e Canti Popolari Marchigiani La Raganella ha creato un video de “Il grillo e la formica” per avvicinare anche i più piccoli alla musica popolare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Victoria ma non troppo

Blog sconsigliato a chi vuole dei figli e/o a chi si prende troppo sul serio!

Daniela's Lumirose Castle

Benvenuto nella mia dimora, viandante della rete!

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Zero contenuti, zero calorie, Zero Renato

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli

"E QUELLO CHE CI SUCCEDEVA NON FACEVA QUASI PARTE DI NOI "

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: