Lost and found

Nulla è perso per sempre.
Nulla è perso per sempre.

Guida empirica su dove ritrovare (in casa) oggetti scomparsi senza perdere la testa.

Per me il dramma degli oggetti scomparsi ha sempre riguardato soprattutto gli utensili da cucina. Loro, gli utensili, si trovano pacificamente riposti nei cassetti finché una manina non decide di prenderli con sé per fargli fare il tour della casa. E così, come per magia, puff, spariscono.
L’esperienza mi ha dotato di un detector per cercarli e ritrovarli in tempi relativamente rapidi. Ho quindi pensato che la mia esperienza potesse risultare utile a neo genitori, e non, nella loro incessante “caccia al tesoro”.

Prima di dire “adesso mi tocca ricomprarlo” dai un’occhiata:

– nei cassetti: è il luogo dell’ hide and don’t even try to seek per eccellenza. Se poi sono ad altezza bambino diventano una miniera di biscotti, cucchiai, colori, ecc…

– sotto al divano: quando sposto il divano per fare le pulizie scopro un universo parallelo che pullula di calzini post parco giochi, sorpresine di ovetti/patatine, sempre i soliti colori e via dicendo…

– verificate il sottoscala: è una zona in, e d’ombra ideale per crearsi una casetta e portarvi dentro cose. Solitamente vi trovo palloni e biberon.

– sotto ai tappeti : se non trovate più la carta da gioco del fante di cuori o peggio ancora la vostra carta di credito, è meglio alzare i tappeti perché, oltre alla proverbiale polvere, potreste trovare molto, ma molto di più…

– negli scatoloni: metti caso che abbiate preso degli scatoloni per portare la spesa e metti caso che i bimbi l’abbiano trovato per giocarci ad andare in barca… chissà, magari di ritorno dalla gita si son portati dietro un “souvenir”.

– sotto al letto: il letto, come il già citato divano, nasconde un micromondo. Se in cameretta sparisce un giocattolo è il primo luogo che verifico, poi cerco anche sotto il matrimoniale.

Luoghi speciali

Ci sono poi quelle zone della casa in cui i bambini adorano buttare le cose ma alle quali, tu, genitore razionale e ordinato, non avresti mai pensato in un primo momento.

– lavatrice
– asciugatrice
– forno
– retro del televisore
– bidone delle immondizie

La prossima volta che cercate disperatamente qualcosa ricordatevi di questo breve promemoria, magari vi torna utile.

Buon weekend!

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli - E - BOOK

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Vivo di alzate d'ingegno / e sorrisi di donna.

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: