Il mio primo diario

Su richiesta di mio figlio ho realizzato un piccolo “diario” nel quale potrà raccogliere i suoi ricordi, che si tratti di stickers o di fiori raccolti al parco giochi.

Materiale occorrente

  • fogli di carta
  • 2 cartoncini di diverso colore
  • carta da pacchi o altra carta colorata
  • spago
  • foratrice
  • colla
  • taglierina

Da un foglio formato A4 realizzare quattro foglietti. Unirli e praticare due fori con la foratrice posizionata su formato A6. Ritagliare un foglio di carta da pacchi, o di altro colore, della stessa grandezza dei foglietti. Incollare la copertina realizzata su un foglio – meglio se cartoncino – e forare. Copiare la sagoma del corpo dell’uccellino su cartoncino colorato e fare lo stesso per l’ala. Incollare sulla copertina. Rilegare i fogli con lo spago.

Il diario

Negli anni passati ho sempre tenuto un diario. Era il mio giardino segreto nel quale rifugiarmi e al quale raccontare la mia vita. Nel diario conservavo di tutto: foglie, scontrini, biglietti da visita, pagine di giornale, ecc…Alla fine dell’anno “scoppiava” letteralmente di ricordi, ed era bello girare le pagine con delicatezza affinché i “cimeli” non andassero persi.

Ancor prima della nascita dei bambini non ho più fermato le mie giornate nero su bianco, ma quando è nato Leo ho acquistato un quaderno a spirale nel quale annotare le prime volte del mio piccolo. Tutt’ora le pagine di quel diario non sono ancora terminate e sono in condivisione con la sorella. Le prime parole, le prime uscite, i biglietti creati con le mie manine per i loro compleanni… Tutto è conservato in questo piccolo quaderno che un giorno sicuramente rileggerò – rileggeremo – con la lacrima… in punta d’occhio, pronta pronta per scendere.

Annunci

6 Comments

    1. Anche per me “tutto ebbe inizio” con il diario dei compiti, poi negli anni si è evoluto fino alla Smemo delle superiori. I diari raccontano la nostra vita, fanno parte di essa.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli - E - BOOK

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

A Place For My Head©

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.⚡

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: