Più semplice, più bello

Torno a parlare, e scusate se sono ripetitiva ma questo argomento mi piace assai, del fascino dei giochi semplici dove ad abbondare non è la plastica e le lucine ma la fantasia del bambino.

Spazi verdi

Il parco giochi è l’habitat dei bambini. é il luogo dove possono essere loro stessi, correre, saltare, arrampicarsi, incontrare propri “simili” e socializzare, insomma, è il posto nel quale i genitori si sentono tranquilli e i bambini felici.

Avere parecchi spazi verdi ad hoc per i bambini ad un tiro di schioppo da casa è una vera e propria manna dal cielo. Viviamo in una zona urbana “incastonata”, se mi lasciate passare il termine, nella campagna, dove vigneti, frutteti vari e casolari ricordano la vita semplice di un tempo; ed è proprio la semplicità e la genuinità delle cose (e delle relazioni, ma quella è un’altra storia!) che vorrei insegnare ai miei figli.

Materiale occorrente 

Gessetti colorati
Giocare con i gessetti colorati

Per trascorrere un’oretta al parco liberando endorfine –  pappa e nanna sono assicurati! – bastano pochissime cose a costo quasi zero. Qui riporto le preferite dei miei bambini:

  • bolle di sapone;
  • palla;
  • gessetti colorati (assicurarsi che sia lecito e non un atto vandalico);
  • boomerang (solo se il parco è vuoto!);
  • monopattino e/o bicicletta;

Bang-A-Boomerang*

Ho fatto sparire il boomerang da casa per ovvi motivi di sicurezza: oltre ad essere scagliato contro i mobili questo simpatico oggetto era diventato per mio figlio l’ennesima arma da dare in testa alla sorella. Ha pianto e urlato quando, di comune accordo, io e mio marito l’abbiamo “gettato via”, ma poi il tempo passa e aiuta a dimenticare… Per qualche ragione tuttavia il gioco è tornato in auge più richiesto e desiderato che mai. Se fai il bravo, ritorna, l’ho tranquillizzatoEd è ritornato proprio il giorno del suo compleanno, quando, coperti con sciarpa e cappellino, siamo andati al parco per giocarci. Grazie mamma che mi hai trovato il boomerang!** .Quelle parole sono state per me il regalo più bello che potesse farmi e credo che anche per lui sia stato lo stesso. Questo è  solo un piccolo esempio per dire come un boomerang preso al discount l’estate scorsa ci abbia fatto trascorrere una mattinata di festa.

* Bang-A-Boomerang , canzone del gruppo svedese ABBA

** “che mi hai trovato”, licenza poetica per bambino di tre anni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli - E - BOOK

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Vivo di alzate d'ingegno / e sorrisi di donna.

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: