Più semplice, più bello

Torno a parlare, e scusate se sono ripetitiva ma questo argomento mi piace assai, del fascino dei giochi semplici dove ad abbondare non è la plastica e le lucine ma la fantasia del bambino.

Spazi verdi

Il parco giochi è l’habitat dei bambini. é il luogo dove possono essere loro stessi, correre, saltare, arrampicarsi, incontrare propri “simili” e socializzare, insomma, è il posto nel quale i genitori si sentono tranquilli e i bambini felici.

Avere parecchi spazi verdi ad hoc per i bambini ad un tiro di schioppo da casa è una vera e propria manna dal cielo. Viviamo in una zona urbana “incastonata”, se mi lasciate passare il termine, nella campagna, dove vigneti, frutteti vari e casolari ricordano la vita semplice di un tempo; ed è proprio la semplicità e la genuinità delle cose (e delle relazioni, ma quella è un’altra storia!) che vorrei insegnare ai miei figli.

Materiale occorrente 

Gessetti colorati
Giocare con i gessetti colorati

Per trascorrere un’oretta al parco liberando endorfine –  pappa e nanna sono assicurati! – bastano pochissime cose a costo quasi zero. Qui riporto le preferite dei miei bambini:

  • bolle di sapone;
  • palla;
  • gessetti colorati (assicurarsi che sia lecito e non un atto vandalico);
  • boomerang (solo se il parco è vuoto!);
  • monopattino e/o bicicletta;

Bang-A-Boomerang*

Ho fatto sparire il boomerang da casa per ovvi motivi di sicurezza: oltre ad essere scagliato contro i mobili questo simpatico oggetto era diventato per mio figlio l’ennesima arma da dare in testa alla sorella. Ha pianto e urlato quando, di comune accordo, io e mio marito l’abbiamo “gettato via”, ma poi il tempo passa e aiuta a dimenticare… Per qualche ragione tuttavia il gioco è tornato in auge più richiesto e desiderato che mai. Se fai il bravo, ritorna, l’ho tranquillizzatoEd è ritornato proprio il giorno del suo compleanno, quando, coperti con sciarpa e cappellino, siamo andati al parco per giocarci. Grazie mamma che mi hai trovato il boomerang!** .Quelle parole sono state per me il regalo più bello che potesse farmi e credo che anche per lui sia stato lo stesso. Questo è  solo un piccolo esempio per dire come un boomerang preso al discount l’estate scorsa ci abbia fatto trascorrere una mattinata di festa.

* Bang-A-Boomerang , canzone del gruppo svedese ABBA

** “che mi hai trovato”, licenza poetica per bambino di tre anni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Daniela's Lumirose Castle

Benvenuto nella mia dimora, viandante della rete!

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Zero contenuti, zero calorie, Zero Renato

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli

"E QUELLO CHE CI SUCCEDEVA NON FACEVA QUASI PARTE DI NOI "

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: