Sentimentalmente impegnativo

Vorrei proteggervi dal dolore e dalle lacrime.

Vorrei che il vostro animo fosse sempre sereno.

Vorrei che questo tempo spensierato si estendesse all’infinito.

Vorrei che la cattiveria e la malevolenza non vi sfiorassero.

Vorrei che non incontraste mai ostacoli per la via.

baloonsMa non voglio farvi del male,

voglio vedervi crescere forti e sicuri di voi stessi.

E per crescere dovete abbracciare la vita.

Tutta.

Io sono sempre qui per voi,

se avete bisogno di me sapete dove trovarmi.

Essere genitore è un lavoro sentimentalmente impegnativo. Vedendoli crescere e di conseguenza ricercare una loro autonomia, rifletto sempre più sul fatto che loro appartengono solo in parte – e per un periodo limitato – a me e al papà, perché loro appartengono in primis a loro stessi, e un giorno alla vita con il suo cumulo di difficoltà, illusioni ecc… Non è facile, ma è doveroso lasciarli andare, non privarli di alcuna emozione, alcuna. Ripeto, è difficile, è un mantra che devo ripetermi mille volte (“non posso proteggerli dal dolore”) ogni volta che penso a quel che la vita è e sarà. L’errore e il male più grande che potrei fare è essere iperpotrettiva: il peso delle frustrazioni si amplificherebbe a dismisura, lo so bene, e loro non maturerebbero. Ma per adesso…

« Quant’è bella giovinezza,
Che si fugge tuttavia!
Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza »

L. de’ Medici

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli - E - BOOK

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Vivo di alzate d'ingegno / e sorrisi di donna.

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: