Ode a te, borsa

Eri lì da troppo tempo.
Ogni volta che ti guardavo
avvertivo il tuo disagio:
etichettata,
additata,
osservata,
esposta,
in vendita,

alla mercé delle stagioni.

Spiccavi tra le altre,
eri senza dubbio la più bella
e lo sapevi.

Soffrivo nel vederti sola,

in balia di te stessa,
speranzosa di essere portata via.

Dimmi, come avresti potuto sopportare l’oscurità,
l’indifferenza e la negligenza altrui ?

Il giorno in cui qualcuno ti avrebbe salvato
doveva arrivare.
Dimentica quindi la malinconia e la solitudine,

perché il nostro destino è comune:

tu mi appartieni, io ti appartengo,
finalmente tu sei mia, borsa.

Annunci
Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli - E - BOOK

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Cultura? Pop e piano, sir.

A Place For My Head©

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.⚡

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: