La tolleranza del gatto

La tolleranza* ? Dovremmo impararla dagli animali.

Questo pensiero mi è venuto in mente nel momento in cui ho visto dei gatti condividere pacificamente lo stesso territorio**; alcuni di loro giocavano, altri si annusavano, altri ancora dormicchivano beatamente. Il gatto dal pelo bianco e gli occhi verdi, non ha cacciato e non si è messo sulla difensiva quando è arrivato il gatto dal pelo bianco e rosso, così come quest’ultimo ha solamente dato una zampata “amichevole” – una sorta di pacca sulla spalla 🙂 – al gatto dal pelo nero, bianco e rossiccio. Per loro non esistono differenze di “razza”: per un certosino, un siamese è un gatto proprio come lui, così come per un soriano lo è un persiano russo.

Perché invece noi esseri umani dobbiamo fare delle discriminazioni ? Non sarebbe più facile, ma soprattutto intelligente, vedere noi stessi per quello che siamo, ovvero degli esseri umani a prescindere dal colore della nostra pelle*** ?

* che comunque preferirei sostituire col termine “convivenza”, perché “tolleranza” mi suona troppo di “sopportazione”.

** ok, anche gli animali lottano tra di loro per il possesso del territorio, ma questa è un’altra storia…

*** fede religiosa o credo politico ?

Annunci
Il vagone delle parole

A tutti gli incontri che cambiano la vita, agli errori di felicità.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Il blog di Clara Margaret

La gioia più grande è quella che non è attesa.

Paolo Sassaroli - E - BOOK

Entra nel mondo delle pseudo favole di Paolo Sassaroli

Enterprises...

..."alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessuno è mai giunto prima"

Diario di una Zingara

Non puoi iniziare un nuovo capitolo della tua vita se continui a rileggere l'ultimo.

mezzaginestra

Vivo di alzate d'ingegno / e sorrisi di donna.

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

# I Feel Betta

Autobiografia culinaria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: